Arredamento ingresso: come dare personalità a questo ambiente

ingresso

L’ingresso e l’anticamera forniscono spesso il primo impatto con la casa e ne condizionano di conseguenza il giudizio. Malgrado ciò molto spesso le persone lo reputano un ambiente poco importante, un po’ inutile, e che non merita attenzione nella scelta dell’arredo che molto spesso si limita ad un’anonima mensolina con un altrettanto anonimo vaso e a qualche quadretto con stampe di scarsa qualità. Insomma non un ottimo modo di accogliere le persone in casa, non trovate?

Il compito di un ingresso ben studiato invece è quello di dare subito l’impressione di una abitazione arredata con buon gusto e trasmettere una piacevole sensazione di accoglienza. Uno degli elementi da studiare meglio nell’arredamento dell’ingresso è l’illuminazione: essendo una zona di transito molto spesso è senza finestre e quindi abbastanza buia. Se la luce naturale non è disponibile bisogna scegliere una fonte di luce artificiale adeguata, possibilmente che vada a caratterizzare con la sua forma l’ambiente.

Un altro elemento deve essere sottolineato: l’ingresso è la stanza che introduce nella casa e di conseguenza deve necessariamente ben armonizzarsi con gli altri ambienti e in particolare con quello più attiguo. Se l’ingresso non è costituito da un locale apposito, si può anche creare un angolo che lo riproduca attraverso un mobile o un complemento d’arredo.

Gli elementi che non possono mai mancare nell’arredo di un ingresso sono gli appendiabiti e il portaombrelli. Se volete caratterizzare maggiormente l’ingresso potete anche mettere una bella libreria (che non sia troppo ingombrante però) o qualche bella fotografia al muro. Ovviamente per il tocco personale non si possono dare molti suggerimenti.