Programmi redering: ecco tutte le possibilità

rendering

Se qualcuno di voi frequenta una facoltà di ingegneria, di design o di architettura sicuramente avrà familiarità con il termine “rendering”. Per chi invece si dedica a tutt’altro questo termine inglese, nel suo senso più ampio, indica la resa grafica, ovvero un’operazione compiuta da un disegnatore o da un progettista per produrre una rappresentazione di qualità di un oggetto o di una architettura.

Ai giorni nostri questo termine è sostanzialmente legato alla computer grafica: identifica infatti il processo di generazione di un’immagine a partire da una descrizione matematica di una scena tridimensionale, interpretata da algoritmi che definiscono il colore di ogni punto dell’immagine. A questo punto il pensiero di tutti, o quasi, dovrebbe essere… cosa?? Per dirlo in termini più semplici, una volta ricreata la geometria 3D di base desiderata il rendering consente di visualizzare tale geometria in modo tale da renderla realistica. Ciò significa ricreare il punto di vista dell’oggetto, le informazioni sulle caratteristiche ottiche delle superfici visibili e sull’illuminazione e la posizione relativa dei vari oggetti presenti sulla scena.

Il rendering viene utilizzato successivamente alla fase di progettazione dell’oggetto, una volta ottenuto il prodotto grezzo per poterlo rendere visibile e tangibile. Il rendering rende quindi realistica la rappresentazione dell’oggetto e viene utilizzato per applicazioni quali montaggio di video, giochi per computer, simulatori, effetti visuali per film e serie TV, visualizzazione di progetti. Dietro a molte foto e video pubblicitari infatti c’è l’utilizzo di queste tecniche: così si rendono “vivi” delle semplici geometrie che altrimenti non darebbero alcuna emozione.

Esistono diversi software che consentono di eseguire questa operazione, in funzione delle diverse esigenze e campi di applicazione. Tra i software più utilizzati troviamo sicuramente Maya 3 D, 3 D Studio Max, Rhino. Pur essendo molto ben realizzati hanno il piccolo difetto di essere rilasciati dietro pagamento (spesso molto importante). Se volete dei software Open Source potete invece affidarvi ad esempio a Blender. Quindi cosa aspettate? Lanciatevi nel magico mondo del rendering e lasciatevi stupire dalle sue immense potenzialità!