Sosia di Campeggi: il divano dalla forma stravagante

Sosia-by-by-Emanuele-Magini-for-Campeggi-6

Campeggi è il famoso marchio italiano che ha uno stile molto particolare che lo differenzia, e non poco, nel campo dell’arredamento e nel settore dei trasformabili. L’azienda si è infatti specializzata nella realizzazione di arredi mutanti, che si trasformano in altro, risolvendo in questo modo i problemi di mancanza di spazio o l’esigenza di avere maggiore flessibilità all’interno dei luoghi abitativi con soluzioni originali e innovative.

Studio dei materiali e delle tecnologie, ricerca dell’ergonomia, applicazione di principi di ingegneria e la matita di ottimi designer, fanno in modo che Campeggi abbia tutti i principali requisiti tecnici che rendono esclusivo il suo nome e che, anno dopo anno, riesca a proporre nuovi prodotti.

Come per quanto riguarda Sosia, che è stato presentato nel corso dell’ultima edizione del Salone del Mobile di Milano. Si tratta di un sofà-divano letto-poltrone-separé, difficile da descrivere. A inventarlo è stato Emanuele Magini, questa è una seduta quattro volte mutante che, grazie alle due ali laterali, si trasforma secondo quelle che sono le proprie esigenze.

Realizzata in poliuretano espanso e lycra, Sosia è il simbolo dei trasformabili Campeggi e Magini quest’anno è entrato a far parte del meglio dell’azienda italiana, tra cui ci sono anche i nomi di Giulio Manzoni, Vico Magistretti, Lorenzo Damiani, Giovanni Levanti e Denis Santachiara. Ercolino, Ori.tami, Gobbalunga, Oblò, Maitresse, Taplit e tanti altri che insieme all’ultimo arrivato Sosia, compongono la famiglia dei trasformabili, dove il collante più utilizzato è l’ironia.

Questo è un divano dalle tante facce, mentre la struttura è caratterizzata da una linea morbida, lineare e tondeggiante. Oltre alla trasformabilità, alla stravaganza e al design, molta attenzione è stata data dall’azienda anche alla comodità delle seduta, per avere insieme bellezza e praticità.