Illuminazione casa: come scegliere la soluzione più adatta alla tua abitazione


L’illuminazione è senza dubbio uno degli elementi di arredo più importanti. Pur scegliendo con molto accuratezza e attenzione i mobili, i colori, i tessuti e i decori, se la luce non è quella giusta non si otterrà l’effetto desiderato.

Ogni casa ha delle caratteristiche intrinseche che determinano di per sé la quantità di luce naturale disponibile. A seconda di quella che è la situazione di partenza bisognerà fare delle scelte precise in riferimento alla tipologia di illuminazione artificiale da scegliere. I colori, le forme e le texture presenti nell’ambiente determineranno il tipo di illuminazione più idonea. Bisogna sempre tenere presente che la luce migliore non è quella che produce gli effetti visivi più sorprendenti e scenografici (che alla lunga talaltro stufano) ma quella che risponde più correttamente alle esigenze pratiche ed estetiche dell’area da illuminare. È chiaro di fatti che le esigenze di illuminazione di uno studio, luogo deputato alla lettura, allo studio e al lavoro, saranno molto diverse da quelle del bagno o di un salotto. Oggi il mercato è in grado di offrire soluzioni versatili che soddisfano le più svariate necessità legate alle attività svolte nei vari ambienti.

La quantità di luce che una data fonte luminosa può produrre si misura in lux. La maggior parte dei prodotti di illuminazione fornisce le informazioni relative al loro consumo (in watt) e alla quantità di luce prodotta (in lux). Orientativamente per le zone di lavoro occorrono 200 lux per metro quadro; la cucina, il soggiorno, il bagno e le aree di passaggio richiedono 100 lux, mentre le camere da letto ne richiedono 50. Inoltre bisogna sempre prendere in considerazione il consumo energetico di ogni fonte luminosa per evitare spiacevoli sorprese sulla bolletta dell’elettricità!

admin
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta