Portone garage: come scegliere il serramento più adatto


Il portone del tuo garage è vecchio e arrugginito? È già un po’ che stai meditando di cambiarlo? Benché possa sembrare una cosa semplice non lo è affatto: le tipologie di serramenti disponibili sono moltissime e sono progettate per adattarsi a situazioni differenti. Nel momento in cui si decide che portone acquistare bisogna tenere conto dello spazio disponibile valutando bene le opzioni che consentono manovre agevoli e sicure.

In questo post presentiamo alcune delle tipologie più diffuse sperando che ognuno di voi possa poi con calma riflettere sulle proprie esigenze. Il tipo di portone più diffuso è quello basculante che si compone di un’unica anta che si solleva e si muove grazie a montanti guida laterali, fissati ai lati del vano porta all’interno del garage. Ad aperture totale la porta rimane parallela al soffitto a distanza di qualche centimetro. Il serramento avvolgibile è composto da profili orizzontali agganciati tra di loro. Il pannello si avvolge attorno ad un rullo integrato nel meccanismo dell’apertura, posto sul bordo superiore del vano porta. Il portone sezionale ha un’apertura verticale ma in questo caso, grazie ad apposite guide laterali, scorre verso l’alto disponendosi lungo il soffitto senza avvolgersi su se stesso. Il portone scorrevole si apre lateralmente scorrendo all’interno del box a ridosso di una parete. Per agevolare il movimento a terra e sul soffitto devono essere installate guide che accolgono i profili dell’anta. Infine, la tipologia a battente, molto usata in passato, è composta da due ante che si aprono verso l’esterno e richiede quindi di spazio davanti al vano.

admin
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Commenti: Vedi tutto