Mobili ufficio: come scegliere l’arredamento per l’ambiente di lavoro


Stai pensando di rinnovare il vecchio arredo del tuo studio? Oppure stai aprendo in questo momento un’attività e stai cercando l’arredamento più adatto? Scegliere i mobili per la propria attività può essere un’operazione abbastanza complessa, soprattutto se si tratta di un ambiente in cui si devono ricevere clienti e fornitori.

Scrivanie, cassettiere, mensole e armadi, sedie e poltrone, schedari, librerie, tavoli, banconi per reception sono elementi essenziali di qualsiasi studio o ufficio e vanno scelti con grande cura. Devono prima di tutto rispondere ai criteri di resistenza e praticità: prima di essere gradevoli alla vista, questi mobili devono poter resistere all’uso quotidiano senza rovinarsi troppo velocemente e non devono costituire un ostacolo al lavoro. L’offerta di mobili da ufficio è molto vasta (si va dai mobili classici a quelli dalle linee ultramoderne, dai mobili ultra pratici dall’effetto un po’ impersonale a quelli in stile etnico), ma solitamente sono parecchio cari. Anche per quanto riguarda i materiali, ne vengono impiegati dei più diversi: si va dal legno al vetro, dal ferro all’alluminio, dalla plastica alla formica. La cosa migliore è privilegiare i materiali igienici e semplici da pulire, quindi quelli lisci e satinati.

Sicuramente la rete può fornire un valido supporto per la scelta: esistono numerosi siti che propongono i mobili di case produttrici differenti rendendo possibile in confronto qualitativo e di costo.

Una cosa importantissima nel momento in cui si scegliere l’arredo per l’ufficio è il posizionamento dei mobili: bisogna cercare di metterli in posti illuminati dalla luce naturale, altrimenti fornirli di lampade potenti, in modo da non rendere difficoltosa la lettura e il lavoro.

admin
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta